befana

Cara Befana,

quest’anno da te non voglio niente perché, se mi guardo intorno, mi sembra di avere così tante cose – la maggior parte delle quali inutili e inutilizzate – che continuare ad accumulare mi fa anche vergognare un po’.

Mi piacerebbe solo un briciolo di tranquillità in più – se non è chiederti troppo – e svegliarmi il mattino senza che il cuore mi corra nello stomaco, togliendomi il respiro; poi dormire, la notte, un sonno sereno pieno di sogni che fanno sorridere.

Vorrei il sole tutti i giorni, il caldo che fa soffocare e un vento fresco sulla pelle; e rubarti ogni tanto la scopa, per poter visitare tutto quel mondo che ancora non conosco, e scoprire colori e odori nuovi. Poi riempirmi gli occhi delle vite della gente; abbandonarmi alla musica di parole che non capisco, e riconoscere una parte in più di me stesso, nascosta in un posto lontano e, troppo spesso, irraggiungibile.

Cara Befana, io non voglio niente: mi basta quello che ho, questa vita.

(Stefano Simonini) © riproduzione riservata

Immagine di Gil Elvgren.

Annunci