Inquieto vivere

In una nuvola

nuv

Qualche tempo fa, contravvenendo a una regola che mi sono data, ho fatto uno di quei test un po’ sciocchi – ma innocui e perfino divertenti – con cui società specializzate pascolano tra i tuoi dati e quelli degli utenti collegati a te.

L’occasione era per me molto ghiotta: si trattava di un’analisi delle parole che utilizzo più di frequente su facebook. I risultati venivano presentati sotto forma di nuvola di parole in cui la dimensione del singolo termine dipendeva dalla sua frequenza: ebbene, al centro della mia nuvola, campeggiava un buongiorno di dimensioni imbarazzanti.

So perché accade, e accade di frequente al mattino: se condivido un contenuto a un orario antelucano, ed è la norma, esordire senza un buongiorno, rete o non rete, mi sembra inappropriato. E’ anche certezza di essere salutata, a mia volta, allo stesso modo.
Esistono pochi contenuti in grado di far scaturire una risposta altrettanto immediata di un saluto mattutino, in genere è un altro «Buongiorno», semplicemente.

Perché è facile, sicuramente, come dire: «Come stai?»,«Tutto bene?». Ma è anche dire ti vedo, ti auguro un buon giorno qualsiasi idea politica tu abbia, che tu sia un troll o una persona ben educata, che ti stia mettendo le dita nel naso o meditando su quale spiaggia esotica far scomparire le tue tracce.
Un buongiorno rivolto al mondo che si spezza in tanti singoli saluti, ognuno lo riceve a suo modo e lo fa tornare a te.
Si potrebbe anche provare a scrivere, in un impeto di felicità nei confronti del mondo (e ne capitano, a volte): «Vi voglio bene, vorrei foste davvero felici» e si otterrebbe un elenco di commenti lungo quanto la via lattea.

Un gesto di apertura, senza necessariamente un senso ulteriore oltre a dire: sto bene, sono in pace, entra anche tu per un attimo nella mia pace, c’è spazio, finché dura.

Che il gesto sfumi in un attimo, sia fatto di bit e byte o venga sommerso da mille altri contenuti, poco importa, è uno dei rari momenti in cui la vita reale dovrebbe assomigliare a quella virtuale; magari non sempre, ma ogni tanto sì.

(Paola Giannelli) ® Riproduzione riservata

Annunci

5 thoughts on “In una nuvola

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...