Racconti

32 centimetri

piccolo

A Diego, amico e scacchista, nel giorno del suo compleanno

Sono l’uomo più piccolo del mondo. Peso due chili, sono alto trentadue centimetri e vivo in una stanza in cui non vedo entrare mai nessuno. Qualcuno però entra, perché ogni giorno, quando mi risveglio, trovo del cibo vicino al mio letto.

Molte notti sono restato sveglio per scoprire chi entrasse ed uscisse, ma alla fine crollavo per il sonno e il giorno dopo mi svegliavo sotto il tavolo, sulla poltrona, acciambellato nella libreria. Sì, nella mia stanza c’è una libreria. È da un libro che ho scoperto chi sono. Dice che l’uomo più piccolo del mondo è alto 53 centimetri. C’è anche un disegno. Non mi assomiglia, non credo sia mio padre. Se potessi scavalcare la finestra, uscirei da questa stanza e griderei a tutti che sono io il più piccolo di tutti. Ma la finestra ha le ante inchiodate, oltre le ante ci sono della sbarre, fuori di essa non si vede nulla se non un muro altissimo di mattoni rossi.

Sono l’uomo più piccolo del mondo, ma solo io lo so. Io e l’essere ignoto che mi porta ogni giorno del cibo e muove uno dei pezzi degli scacchi appoggiati sul mio comodino.

Custodiamo in silenzio il segreto. Nell’altra vita Dio ce ne darà merito.

(Stefano Bandera) © riproduzione riservata

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...