quando ho scritto il tuo nome

mi è avanzata una lettera

sei più piccola ora

sei un’ape

posi sul tendipanni un’ala stropicciata

voli con i capezzoli

stendi i capelli come rotoli si spago

ascolti il vento e quando canta il gallo

ti posi su una cruna

cuci una tasca dove si nasconde il cuore

lì dentro costruisci la tua tana

la foderi di miele

cuoci un uovo

cresci l’amore a zuppa di cipolla

e quando infine ti riprendi la tua lettera

la rubi a me

e io te la regalo

 

(Stefano Bandera) © riproduzione riservata

Annunci