La mamma adottiva è come quella vera,

ti tiene tra le braccia da mattina a sera,

ti posa un gran bacetto sopra il tuo musetto

e, se le cade un dente, ne fa un bel pendente.

Ti tiene sul suo cuore immenso e pien d’amore,

ti dona caramelle, pizzette e sfogliatelle,

ti canta la canzone dell’amore a profusione,

amo, amo, declamato come un verso già ascoltato,

per te ha rinunciato a tutto,

niente più pane e prosciutto;

lei ti guarda ammirata

quando tu sei arrabbiata,

da quanto ti ha avuta è rinata,

vede in te una vera fata.

Ti ha adottata nell’amore,

te lo dice a tutte l’ore,

ti ha rinchiusa dentro al cuore,

come un canto di splendore.

Tu le urli, disperata,

che non stia sempre attaccata.

Piange al buio, questa mamma

che alla luce sol ti osanna,

nella vita sciagurata

la tua mamma ti ha cullata,

tu la tratti a disgraziata,

ogni dì le fai un urlata,

lei sorride sconsolata,

e nel cuore ride beata.

(Stefano Simonini) © riproduzione riservata

 

Annunci