Storie e persone

Con il vento tra i capelli

vento

La notizia dell’apertura alle donne da parte del governo dell’Arabia Saudita può illudere sul processo di modernizzazione di uno dei paesi più ricchi e retrogradi al mondo – per quanto riguarda i diritti umani – ma non è che l’urgente bisogno di fare di necessità virtù, in un periodo di recessione economica.

Il decreto di re Salman, che ha cancellato alcune delle molte norme limitanti per le donne – prima fra tutte quella di avere bisogno del consenso di un parente maschio, per candidarsi a un lavoro nell’amministrazione pubblica, potersi iscrivere all’università o accedere a talune cure mediche – è solo ed esclusivamente motivato da necessità di carattere economico.

Il paese, che vive una delle crisi più grandi della propria storia a causa della forte diminuzione del prezzo del petrolio, mai come in questo momento ha la necessità di pensare a un nuovo modello di sviluppo sociale, che coinvolga fasce più larghe della popolazione, facilitando l’ingresso delle donne nel mondo del lavoro.

Un progetto che, partendo dalla cancellazione della figura dell’uomo “guardiano”, vuole dare vita a un vero e proprio cambiamento che, passo dopo passo, darà sempre più visibilità e diritti alle donne, da qui al 2030.

Sono molti gli ostacoli che il re sta incontrando nel suo percorso, primo fra tutti l’opposizione della forte società maschile, conservatrice e retrograda. I movimenti clandestini di donne progressiste, infatti, sottolineano come il decreto sia ancora troppo blando e non tocchi alcuni dei punti che continuano a garantire un indiscusso potere al “guardiano”: il diritto di ottenere un passaporto e di viaggiare da sole al di fuori del paese e quello, che in anni recenti è stato al centro di proteste e polemiche, di potere guidare. Uniche donne al mondo a non potere correre leggere per le strade del mondo e sentire il vento tra i capelli.

(Stefano Simonini) © riproduzione riservata

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...