Inquieto vivere

Pizza-Kini mon amour

pizza-chini

Ragazze della Veranda, avete diecimila dollari che vi avanzano e il desiderio di essere ammirate da tutti quando siete sulla spiaggia? Allora, abbandonate ogni esitazione e correte ad acquistare il must have di questa estate, il Pizza-Kini, un bikini fatto di vera pizza.

È stato lanciato sul mercato lo scorso 5 luglio – giornata in cui si festeggia, in tutti gli Stati Uniti, il National Bikini Day, una festa fondamentale per il buon andamento della nazione – e a crearlo è stata la catena di pizzerie del New Yersey Villa Italian Kitchen, in collaborazione con lo stilista Jessie Bearden di New York. Il pizza-kini, si è rivelato subito un’idea geniale, che ha lasciato tutti stupiti, e cambierà la moda del costume da spiaggia.

Creato con una base di pasta trattata in modo che abbia resistenza al sole e alla sabbia, viene poi decorato con salsa di pomodoro, mozzarella e salamino anche se – assicurano – il bikini è completamente personalizzabile dalla cliente, nella scelta degli alimenti decorativi.

Presentato su scala nazionale durante una conferenza stampa, il prezzo di lancio ha sollevato qualche perplessità, anche se gli ideatori di questa prelibatezza si sono così giustificati: il costo del Pizza-Kini, come di qualsiasi altro capo di abbigliamento che si rispetti, è determinato da una serie di passaggi – fase di consultazione e misurazione, creazione della personalizzazione richiesta dalla cliente, assemblaggio finale – che giustificano i diecimila dollari richiesti dall’azienda.

Quindi, se ancora non avete provveduto al vostro look da spiaggia e pensate che il Pizza-Kini sia la giusta risposta alle vostre esigenze, affrettatevi a contattare l’azienda, perché la lista d’attesa è lunghissima, a iniziare da Lady Gaga che, dopo avere indossato una bistecca qualche hanno fa, non si lascerà di certo sfuggire un’occasione cosi ghiotta.

In attesa di costume e bermudini, che a noi maschietti non ci pensa mai nessuno, come se non ci piacerebbe indossare un bel calzone ripieno da sfoggiare sulle trendy spiagge della Sardegna, c’è il grosso vantaggio che, doveste mai naufragare su un’isola deserta, avreste di che sopravvivere almeno per qualche giorno.

(Stefano Simonini) © riproduzione riservata

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...